martedì 18 marzo 2014

Spaghetti ai frutti di mare e passito di Pantelleria.

Bene, bene, bene...finalmente la prima ricetta di questo blog!!! Una ricetta semplice e veloce ma dal risultato pressoché garantito!!
 
INGREDIENTI (6 persone)
500 g di spaghetti
1 Kg di cozze
500 g di vongole veraci
500 g di fasolari
3 spicchi di aglio
1 mazzetto di prezzemolo
1/2 bicchiere di passito di Pantelleria
200 g di polpa di pomodoro
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
Cozze, vongole e fasolari
PROCEDIMENTO
Per prima cosa mettete vongole e fasolari a bagno in acqua fredda e salata per circa 2 ore, così da spurgarle da sabbia ed impurità.
Nel frattempo, spazzolate le cozze ed eliminate da ciascuna di esse le eventuali barbette; infine, procedete con il risciacquo di tutti i frutti di mare direttamente sotto l'acqua corrente.
Sbucciate e schiacciate i 3 spicchi d'aglio con l'apposito schiaccia-aglio e rosolate il tutto in 4 cucchiai di olio evo.

 
Unite cozze, vongole e fasolari e lasciate cuocere a fuoco vivace fino a quando si apriranno i primi molluschi poi sfumate con il mezzo bicchiere di passito di Pantelleria.

 
 
Procedete con la cottura fino a quando i molluschi si saranno tutti aperti quindi aggiungete la polpa di pomodoro e fate cuocere per una decina di minuti.
Infine, aggiungete una macinata di pepe ed una spolverata di prezzemolo, mescolate per bene, spegnete il fuoco e lasciate riposare.
 

Portate ad ebollizione abbondante acqua, salatela e cuocete gli spaghetti.
Scolate gli spaghetti ancora al dente e versateli nella padella con i frutti di mare, poi fate saltare il tutto a fiamma vivace per 2-3 minuti mescolando in continuazione.
Togliete dal fuoco, servite subito e...buon appetito!!!
 
 

SUGGERIMENTI E/O VARIANTI
In assenza del passito di Pantelleria si può procedere come da ricetta classica, usando più semplicemente il vino bianco.
In effetti, l'idea di sfumare i frutti di mare con il passito è nata per caso dall'esigenza di finire una bottiglia aperta qualche giorno prima durante una cena fra amici.
Devo ammettere che quando ho visto Dario versare il passito sui molluschi ho temuto per il mio bel piatto di spaghetti!!!
Invece è stata una sorpresa: il sapore dolce e aromatico del passito, infatti, è in grado di contrastare il salato dell'acqua rilasciata dai frutti di mare durante la fase di cottura, donando al tutto una certa armonia di sapori.
Provare per credere!!!

Alla prossima!!!

Elena